Corte di giustizia Ue: il Regno Unito può fare marcia indietro sulla Brexit

(Teleborsa) – Il Regno Unito è libero di revocare in modo unilaterale la Brexit anche senza l’avallo dei partner europei. È quanto ha stabilito oggi la Corte di giustizia dell’Ue con una sentenza storica che andrà, inevitabilmente, a incidere sul voto della Camera dei Comuni sull’accordo tra il governo di Theresa May e l’Ue a 27.

“Con la revoca – si legge nella sentenza – il Regno Unito resterà nell’Ue mantenendo il suo status di Stato membro”. La Gran Bretagna potrà fare marcia indietro fino a quando l’accordo di divorzio non entrerà in vigore, quindi, fino al 29 marzo 2019.

I giudici europei si sono espressi in seguito alla richiesta di chiarimenti presentata dalla Corte suprema scozzese, dopo il ricorso di un gruppo di politici e attivisti “remain”, tra cui i parlamentari Verdi, Andy Wightman e Ross Greer, gli europarlamentari laburisti David Martin e Catherine Stihler (S&d) e l’eurodeputato scozzese Alyn Smith (Verdi), convinti che, sulla Brexit, ci fosse ancora la possibilità di cambiare rotta.

Una questione sulla quale, in attesa del voto di domani a Westminster, il Presidente della Corte Ue aveva disposto la procedura accelerata.

“O il mio accordo o la prospettiva di elezioni anticipate, con il possibile arrivo a Downing Street del leader laburista Jeremy Corbyn e niente Brexit” aveva avvertito, ieri, il primo ministro Theresa May aggiungendo che una bocciatura del suo accordo sarebbe foriera di “gravi incertezze” portando il Regno Unito “in acque inesplorate” con “un rischio molto reale di niente Brexit”. Un avvertimento ai sui compagni di partito Tory alla vigilia del voto che vede una maggioranza a pezzi e forti venti di dissenso anti-May.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Corte di giustizia Ue: il Regno Unito può fare marcia indietro sulla ...