Coronavirus, Vergallo: terapie intensive in Campania e Lazio in sofferenza entro un mese

(Teleborsa) – Terapie intensive del Centro-Sud in sofferenza entro un mese se la crescita dei casi proseguirà ai ritmi attuali. A lanciare l’allarme è il presidente dell’Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri italiani (Aaroi-Emac), Alessandro Vergallo.

“Se l’andamento dei casi di infezione da SarsCov2 continuerà con i ritmi ed i numeri attuali, e senza misure di ulteriore contenimento, stimiamo che in meno di un mese le terapie intensive al Centro-Sud, soprattutto in Lazio e Campania, potranno andare in sofferenza in termini di posti letto disponibili”, ha detto il presidente all’Ansa.

“Siamo molto preoccupati per le Regioni meridionali – ha aggiunto Vergallo – dove rileviamo una maggiore impreparazione a far fronte ad un eventuale peggioramento della situazione”.

Per il presidente Vergallo la situazione che is sta delineando in questi giorni potrebbe essere l’inizio della seconda ondata della pandemia e non l’onda lunga terminale della prima fase pandemica: “Questo ci preoccupa perché presuppone un ulteriore aumento dei contagi“.

Alessandro Vergallo ha già sottolineato negli scorsi la necessità di assumere più anestetisti e rianimatori. Nelle strutture ospedaliere italiane sono già a lavoro in 18mila ma secondo il presidente dell’Associazione c’è l’urgenza di assumere altri 3mila professionisti.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Coronavirus, Vergallo: terapie intensive in Campania e Lazio in soffer...