Coronavirus, UE: sale a 13 numero di Paesi che chiede accesso al Fondo di Solidarietà

(Teleborsa) – Sale a 13 il numero dei paesi che hanno chiesto l’intervento del Fondo europeo di solidarietà (Fsue) per rispondere all’emergenza provocata dalla pandemia di Coronavirus.

Infatti, sono arrivate alla Commissione Ue anche le domande preliminari di assistenza da parte di Repubblica Ceca, Estonia, Spagna, Grecia, Polonia e Macedonia del Nord. Si aggiungono a quelle presentate nelle scorse settimane da Italia, Austria, Irlanda, Romania, Lituania, Belgio e Lettonia.

La modifica del regolamento in vigore dal primo aprile per rispondere alla crisi causata dal Coronavirus permette ai Paesi membri di ricevere il sostegno del Fsue anche in risposta a catastrofi sanitarie, non solo naturali (alluvioni, terremoti, incendi e altro) com’è avvenuto finora.

Il fondo potrà così coprire una parte delle spese pubbliche relative alla pandemia in maniera retroattiva, a partire dalla data in cui le prime misure sono state adottate dalle autorità pubbliche dei Paesi che ne fanno richiesta.

(Foto: Lukasz Kobus – © Unione Europea)

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Coronavirus, UE: sale a 13 numero di Paesi che chiede accesso al Fondo...