Coronavirus, oggi CdM su nuove misure. 14 Regioni a rischio zona rossa.

(Teleborsa) – L’Italia si avvia ad assumere un colore monocromatico a tinte rosse, a causa del diffondersi delle varianti di coronavirus, mentre il Governo si prepara a varare nuove e più rigide misure di contenimento dei contagi, nell’ambito del dialogo con le Regioni. E’ previsto questa mattina un nuovo incontro governo-regioni, poi si riunirà il Consiglio dei Ministri, attorno alle 11.30, per il varo della nuova stretta.

Debutta il meccanismo automatico

Lo strumento prescelto, come anticipato, dovrebbe essere il Decreto e non un Dpcm come fatto in passato. Nel nuovo provvedimento l’inserimento di un automatismo che sancisce il passaggio in zona rossa delle regioni che registrano 250 casi ogni 100mila abitanti.

Una scelta che dovrebbe offrire ai governatori una maggiore certezza e trasparenza sui provvedimenti restrittivi da attuare, eliminando sorprese e contestazioni e ripristinando un dialogo sereno Stato-Regioni.

Le misure dovrebbero entrare in vigore lunedì 15 marzo, non nel weekend come da molti pensavano, anche se non sono esclusi provvedimenti restrittivi anticipati dei vari governatori.

I numeri della pandemia

L’ultimo bollettino del Ministero lascia poco spazio alla speranza: al di là dei 25.673 nuovi casi, il tasso di positività è lievitato al 6,9% dal 6,2% precedente ed i decessi sono cresciuti a 373. Aumenta anche il numero di persone in terapia intensiva con 266 nuovi ingressi ed un saldo ingressi-uscite di 32 pazienti in più.

14 Regioni in rosso

Dall’arancio al rosso: l’Italia rischia di diventare monocromatica, a parte la Sardegna, che è riuscita ad abbattere i contagi grazie alla sua posizione isolata rispetto alla Penisola.

Rischia il cartellino “rosso” il Lazio, che ha riportato ieri 1.800 contagi e 16 decessi, mentre il valore Rt è salito a 1,30, al di sopra della soglia limite di 1,25. Ben oltre il limite anche il Friuli Venezia Giulia con un Rt a 1,39, mentre sono sul filo del rasoio Veneto, Toscana ed Emilia Romagna con un valore superiore al limite di 1,25. Tira un sospiro di sollievo la Liguria grazie ad un Rt appena superiore a 1.

Resta rosso fuoco la Campania, dove l’Rt è schizzato a 1,76, con un margine di confidenza fra 1,65 e 1,87. Una situazione che ha già costretto il governatore De Luca a disporre la chiusura di piazze, lungomari e mercati. Anche il Piemonte vede un Rt fermo a 1,41 a causa del tasso di occupazione dei posti letto nelle terapie intensive e nei reparti ordinari.

In generale, si attende il passaggio di ben 14 regioni in “zona rossa” per effetto del nuovo automatismo introdotto dal governo, a partire dal prossimo lunedì 15 marzo.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Coronavirus, oggi CdM su nuove misure. 14 Regioni a rischio zona rossa...