Coronavirus, nuove restrizioni in tutta Europa: a Londra non si esclude un nuovo lockdown

(Teleborsa) – Il virus continua la sua corsa in Europa e in Gran Bretagna non si esclude un nuovo lockdown. Sono numeri preoccupanti quelli che arrivano dal resto del Continente che ha visto negli ultimi giorni una nuova crescita di casi accertati di Covid-19, facendo segnare nella giornata di sabato un nuovo record: più di 123mila casi accertati in 24 ore, +8,3% rispetto ai numeri di venerdì scorso quando i casi registrati erano stati 114mila. Secondo il calcolo dell’OMS il bilancio di contagi in Europa è ormai prossimo ai 7 milioni di positivi.

Nel Regno Unito preoccupa l’impennata di casi delle ultime settimane, stabilmente sopra 12mila casi dallo scorso 3 ottobre e 233 vittime complessive solo nel weekend, con nuove misure restrittive che sono attese oggi. Boris Johnson dovrebbe infatti presentare al Parlamento un sistema di emergenza a tre livelli, con restrizione in base al numero di casi accertati in ogni regione: secondo le prime indiscrezioni, il livello più alto dovrebbe coinvolgere le città di Liverpool e Manchester con la chiusura di pub e ristoranti.

A parlare della possibilità di un nuovo lockdown è stato il professor Peter Horby alla BBC. “Abbiamo davvero bisogno di fornire assistenza a tutti, quelli con Covid e quelli senza – ha detto il presidente del New and Emerging Respiratory Virus Threats Advisory Group (Nervtag) – Il modo per farlo è mantenere bassi i numeri”. E ha aggiunto: “Temo che dovremo fare delle scelte molto difficili e agire molto rapidamente”.

In Francia crescono le aree di massima allerta che coinvolgono ora anche i distretti di Montpellier e Tolosa. Dopo il record di 26mila nuovi casi di sabato, nella giornata di ieri la conta si è fermata a 16mila ma su questi numeri pesa l'”effetto weekend” – molti laboratori sono chiusi nel fine settimana – e ci si attende nuovi incrementi già a partire da martedì. Spaventa il rapporto positivi/tamponi, giunto fino all’11%.

E nuove misure sono attese anche in Germania, dove la Cancelliera Angela Merkel d’accordo con i sindaci di 11 città ha stabilito la possibilità di misure restrittive su assembramenti e viaggi nel caso di superamento della soglia di 50 positivi ogni 100mila abitanti.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Coronavirus, nuove restrizioni in tutta Europa: a Londra non si esclud...