Coronavirus in Italia, sale ancora curva contagi. Picco in Lombardia, Emilia e Lazio

(Teleborsa) – Continua, purtroppo, a salire la curva dei contagi nel nostro Paese: sono 255.278 i casi di coronavirus dall’inizio dell’epidemia con un incremento di 642 rispetto a ieri, quando erano stati 403. Lo comunica il bollettino quotidiano del Ministero della Sanità e della Protezione civile.

I decessi salgono a 35.412: 7 più di ieri – quando erano stati 5 – di cui 4 solo in Lombardia. Aumentano anche i tamponi: 71.095 (per un totale di 7.713.154): in crescita rispetto a ieri, quando i test erano stati 53.976.

Nessuna regione, purtroppo, può vantare oggi zero contagi.

La Lombardia resta la Regione più colpita dal coronavirus con 97.564 casi dall’inizio dell’epidemia: con un incremento di 91 casi rispetto a ieri. 76 i nuovi casi in Emilia Romagna.

Picco anche nel Lazio dove, come ha comunicato l’Assessore alla Sanità D’Amato, “si sono registrati 75 casi, di questi i 2/3 sono di importazione e il 30% dalla sola Sardegna. L’aumento è causato dai rientri di positivi asintomatici individuati ai drive – in e sarebbe opportuno effettuare i test agli imbarchi dalla Sardegna per evitare diffusione del virus all’interno delle navi. Diminuiti i pazienti nelle terapie intensive”.

Poi un messaggio ai giovani. “Il Covid 19 non è uno scherzo – dice D’Amato – e non va sottovalutato. Colpisce indistintamente se non si mettono in atto le necessarie precauzioni. L’aumento dei casi è diametralmente collegato al calo di attenzione che c’è stato e a chi ne ha sottovalutato gli effetti. Ovviamente auguriamo un decorso clinico breve e di guarigione per chi si trova in questa fase a vivere l’esperienza del ricovero ospedaliero. Non bisogna abbassare la guardia“.

“Se va tutto bene in primavera avremo il vaccino contro il Covid. Lavoriamo sodo perché ciò accada”. Lo ha detto il direttore sanitario dello Spallanzani, Francesco Vaia, in una intervista alla testata sudamericana Panoramica.

L’obiettivo di “garantire quanto prima in tutte le scuole il necessario distanziamento interpersonale” è stato ribadito nella riunione odierna del Cts. Il Comitato ha confermato in merito il parere espresso lo scorso 12 agosto, sottolineando che “la ripartenza di tutte le scuole il prossimo 14 settembre rappresenta una priorità assoluta per il Paese”.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Coronavirus in Italia, sale ancora curva contagi. Picco in Lombardia, ...