Coronavirus, Consiglio Ue approva Sure. Si attende versamento garanzie

(Teleborsa) – Via libera definitivo dall’Ecofin al “Sure”. Dopo l’accordo politico raggiunto venerdì scorso dagli ambasciatori degli Stati membri, oggi il programma europeo per il sostegno ai sistemi nazionali di cassa integrazione durante la crisi Covid-19 è stato adottato formalmente per procedura scritta dal Consiglio Ue. Un’approvazione in tempi record dal momento che la proposta era stata presentata dalla Commissione europea solo sei settimane fa.

Attivo fino al 31 dicembre 2022 – termine prorogabile di sei mesi in sei mesi in caso di necessità – il programma fornirà agli Stati membri fino a 100 miliardi di euro di prestiti a condizioni favorevoli, sulla base di 25 miliardi di garanzie che gli Stati verseranno sulla base del loro contributo nel bilancio Ue. Tutti gli Stati Ue potranno accedere al programma, che è, tuttavia, pensato come “rete di sicurezza” per le economie più colpite dalla crisi sanitaria.

“Ora, perché i finanziamenti comincino ad arrivare, manca solo l’ultima tappa: bisogna che gli Stati membri firmino gli impegni per le garanzie”, ha precisato oggi la portavoce della Commissione per le questioni economiche e finanziarie, Marta Wieczorek. Proprio questo passaggio, tuttavia, potrebbe ritardare l’operatività di “Sure”. I parlamenti nazionali che devono ratificare gli impegni finanziari per le garanzie potrebbero, infatti, avere difficoltà a riunirsi rapidamente, a causa delle misure di lockdown dovute all’epidemia di coronavirus.

(Foto: Cristof Echard – © Unione Europea)

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Coronavirus, Consiglio Ue approva Sure. Si attende versamento garanzie