Coronavirus, Bellanova: dall’Europa misure adeguate per la pesca

(Teleborsa) – Anche pesca e acquacoltura sono stati colpiti dal Coronavirus per questo servono misure a sostegno immediate e adeguate da parte dell’Europa. È quanto chiesto oggi dalla ministra Teresa Bellanova in una lettera al commissario Ambiente, oceani e pesca, Virginijus Sinkevicius, per un settore “quasi completamente fermo” e un crollo delle vendite di oltre il 50%”. La priorità è quella di garantire liquidità alle imprese per mettere in sicurezza la loro sopravvivenza e l’occupazione, sottoline la ministra.

Per Bellanova le misure proposte finora sono insufficienti: “bisogna lavorare, di concerto e con unanime volontà, su soluzioni capaci di rispondere ai problemi: attivare i fondi di mutualizzazione con una soglia di intervento più coerente con la crisi del settore; estendere l’arresto temporaneo, incrementando gli aiuti; estendere gli aiuti allo stoccaggio all’acquacoltura e intervenire con misura a favore della commercializzazione”. Urgente per la ministra anche una modifica ad hoc dei Programmi operativi del Fondo europeo per la Pesca.

Infine, un riferimento all’imminente campagna del tonno rosso: “parte economicamente importante della pesca europea”. Non sappiamo, chiarisce Bellanova, “cosa avverrà nelle prossime settimane ma sarà importantissimo poter dare flessibilità alla campagna di pesca, anche prevedendo slittamenti e adeguamenti di date e di scadenze”.

(Foto: © andreykuzmin / 123RF)

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Coronavirus, Bellanova: dall’Europa misure adeguate per la pesca