Coronavirus, Arcuri: un punto vaccini ogni 20 mila abitanti

(Teleborsa) – Un punto di “conservazione e somministrazione” di vaccini anti Covid ogni 20 mila cittadini. È quanto ha assicurato in audizione presso la commissione Bilancio del Senato il Commissario per l’emergenza Domenico Arcuri presentando il piano a cui sta lavorando e che dovrà essere pronto nelle prossime settimane.

Sono quattro le variabili di cui tener conto: distribuzione a carico dell’azienda produttrice o dello Stato acquirente, temperatura di conservazione, modalità di somministrazione, intervallo temporale tra la prima e la seconda dose. “Considerando le quattro variabili – ha detto – stiamo organizzando un piano che prevede il coinvolgimento delle Regioni e dei Comuni alle quali ho già chiesto di indicarmi i punti di somministrazione all’interno di ospedali e Rsa“.

Il piano, ha aggiunto, “terrà conto delle scelte del Parlamento sulle categorie che prioritariamente saranno oggetto della somministrazione”.

“Abbiamo già speso 94 milioni, che è la quota che l’Unione Europea ha chiesto all’Italia per acquisire la quantità di vaccini che sono stati finora predisposti – ha spiegato Arcuri – “il meccanismo di acquisizione e contrattualizzazione dei vaccini avviene all’interno di un pool dell’Unione Europea che raggruppa tutti i paesi che hanno sottoscritto l’accordo”. In base a questo accordo ogni paese ha diritto ad una quota percentuale dei vaccini: quella dell’Italia è del 13,5%.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Coronavirus, Arcuri: un punto vaccini ogni 20 mila abitanti