Coronavirus, Arcuri: occorre accelerare sui tamponi

(Teleborsa) – La App “Immuni” potrebbe essere pronta per la fine del mese ma occorre accelerare sui tamponi. È quanto dichiarato dal Commissario per l’emergenza Domenico Arcuri, intervenuto ieri (5 maggio, ndr) in audizione alla Commissione Trasporti e telecomunicazioni alla Camera. Sui tempi per l’app, Arcuri però ha specificato che si tratta di una sua opinione, “gli interlocutori che possono sciogliervi questo dilemma sono altri”, ha puntualizzato.

“Dobbiamo fare molti più tamponi, io deve mettere in condizioni le Regioni di farli”, ha specificato però Arcuri che è passato a spiegare la relazione tra test e sistema di tracciamento dei contatti: “La App funziona se il tempo di attraversamento (dall’alert al tampone, ndr) sarà accorciato e se ad essa si accompagnerà la somministrazione dell’unico agente per individuare un individuo contagiato, che è il tampone”. “Se non si fa subito un tampone la App non consegue il risultato per cui è stata pensata”, ha puntualizzato il Commissario per l’emergenza Arcuri.

Arcuri ha informato la Commissione che ad oggi sono stati distribuiti ai sistemi sanitari regionali 3,7 milioni di tamponi e “nelle prossime settimane daremo altri 5 milioni di tamponi, che sono stati già acquisiti”, ha detto il commissario per l’emergenza. Però necessario che i “sistemi sanitari regionali sottopongano il numero più alto dei cittadini ai tamponi”, ha specificato Arcuri che ha aggiunto: “vi suggerisco di guardare i dati dei tamponi per singola regione e scoprirete delle importanti asimmetrie. E vi suggerisco di dividere il numero di tamponi fatto in ogni regione per il numero della abitanti di quella regione e scoprirete altre asimmetrie. Noi possiamo solo mettere a disposizione dei tamponi, non somministrarli ai cittadini”.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Coronavirus, Arcuri: occorre accelerare sui tamponi