Coronavirus, Arcuri: “Congelamento progressivo della curva epidemica”

(Teleborsa) – “C’è un congelamento progressivo della curva epidemica, il rapporto tra i contagiati e i tamponi il famoso tasso di positività è pari al 7,9%, non era mai stato così basso dal 20 ottobre, da oltre 60 giorni”. La buona notizia arriva dal commissario straordinario per l’emergenza Covid-19 Domenico Arcuri che ha esposto gli ultimi dati nella consueta conferenza stampa settimanale. Numeri, tuttavia, che – come sottolinea Arcuri – “non ci devono rassicurare ma ci devono indicare la strada per i prossimi giorni. Questi numeri, – ha aggiunto – ci dicono che c’è bisogno di ulteriori sacrifici da parte di tutti noi, ci dicono che bisogna continuare a essere prudenti e soprattutto responsabili”.

Il messaggio è che, soprattutto in vista delle feste, non bisogna abbassare la guardia. “Da domani – ha ricordato il commissario –purtroppo tutta l’Italia si tinge di nuovo di rosso. Comprendiamo tutti che è un sacrificio ulteriore che si acuisce nella concomitanza con questi giorni di vacanza ma sono convinto che comprendiamo anche tutti che è un sacrificio necessario perché non sarebbe immaginabile una recrudescenza della pandemia, non possiamo far sì che arrivi la cosiddetta terza ondata. Non possiamo iniziare la più grande campagna di vaccinazione di massa che la storia ricordi nel pieno di una recrudescenza della pandemia”.

Sul fronte del vaccino Arcuri ha affermato che “l’approvazione di un vaccino in soli 10 mesi dalla pubblicazione delle sequenze del genoma del virus è un risultato straordinario della scienza contemporanea. È un risultato del quale dobbiamo tutti essere orgogliosi e soprattutto dobbiamo essere tutti riconoscenti alle migliaia di scienziati che nei centri di ricerca e laboratori di tutto il mondo hanno lavorato giorno e notte e hanno contribuito a questo straordinario risultato. In Italia – ha annunciato il commissario – arriveranno 9.750 dosi e saranno soltanto quelle che verranno somministrate simbolicamente il 27 dicembre ma la Pfizer ha assicurato che nella settimana che inizierà il giorno dopo, il 28 dicembre, arriveranno nel nostro Paese altre 450mila dosi. Dosi che verranno portate direttamente dall’azienda nei 300 punti di somministrazione scelti insieme alle regioni”.

Riguardo alla somministrazione, ha assicurato Arcuri, non ci sarà nessuna corsia preferenziale. “Voglio lanciare un messaggio nitido ai cittadini, non ci saranno corsie preferenziali, arriverà il turno per tutti gli italiani che vorranno vaccinarsi. Noi – ha sottolineato il commissario – non conserveremo per un minuto in più neanche una dose del vaccino dei nostri magazzini e faremo in modo che arrivi subito nei luoghi dove può essere somministrato. Quando si arriverà alla vaccinazione di massa, alla vaccinazione dei cittadini e solo delle categorie state selezionate quali primi target, metteremo in campo una molteplicità di sistemi di informazione, di comunicazione, da quelli più tradizionali a quelli più innovativi per essere sicuri che non resti nessuno dietro”. Da qui l’appello di Arcuri: “Chiediamo agli italiani di non agitarsi, di non appellarsi, non cercare scorciatoie o corsie preferenziali, il vaccino ci sarà per tutti, gratuito, e non obbligatorio per nessuno. Tutti quelli che lo vorranno potranno vaccinarsi, tutti sapranno per tempo dove andare a farsi il vaccino e quando”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Coronavirus, Arcuri: “Congelamento progressivo della curva epide...