CoronaCoin, debutta la moneta virtuale che specula sull’epidemia

(Teleborsa) – Una criptovaluta per l’epidemia da Coronavirus che sta tenendo col fiato sospeso il mondo ormai da mesi: si chiama CoronaCoin la moneta digitale (con simbolo “$nCoV”) lanciata da una piattaforma registrata nelle Isole britanniche dell’Oceano Indiano – che consente di scommettere sulla diffusione dell’epidemia, sulla base di quante persone si ammalano o muoiono.


COME FUNZIONA – In pratica, il numero di CoronaCoin in circolazione corrisponde alla popolazione mondiale, cioè leggermente superiore a 7,6 miliardi. “Con l’aumentare del numero di infetti/morti a causa del virus – si legge nel libro bianco – il numero di token viene aggiornato ogni 48 ore e, per ogni infezione o morte, viene cancellato un token”. Il fatto che il numero diminuisca costantemente nel tempo significa che quelli in circolazione aumentano progressivamente di valore. Non verranno mai creati nuovi CoronaCoin”.

Pioggia di critiche sui social, ma gli sviluppatori tirano dritto e difendono la bontà del progetto sostenendo che “CoronaCoin è un’aggiunta radicale e preziosa al ricco arazzo di criptovalute che oggi è sul mercato. È la prima e unica criptovaluta supportata dalla prova di morte, basata su statistiche ottenute dall’Organizzazione mondiale della sanità”.

Anzi, per rafforzare l’iniziativa, è stato annunciato che il 20% dei fondi dalla vendita delle moneta virtuale sarà donato alla Croce Rossa.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

CoronaCoin, debutta la moneta virtuale che specula sull’epidemia