Copyright, l’Europarlamento rinvia il voto sulla riforma a settembre

Italia divisa. Esultano Di Maio e Salvini, mentre il Pd attacca: "Lega e 5stelle dicono falsità"

(Teleborsa) Mi dispiacedice il relatore del testo sul copyright Ue, Axel Voss (Ppe) – che la maggioranza dei deputati non abbia sostenuto la posizione che io e la commissione giuridica abbiamo preparato. Ma ciò fa parte del processo democratico. Torneremo sul tema a settembre con un ulteriore valutazione per cercare di rispondere alle preoccupazioni dei cittadini, aggiornando nel contempo le norme sul diritto d’autore per il moderno ambiente digitale”.

TUTTO RINVIATO A SETTEMBRE – La Plenaria del Parlamento europeo a Strasburgo ha votato contro l’avvio dei negoziati fra Parlamento, Consiglio e Commissione Ue sulla proposta di direttiva per la riforma del copyright. I voti contrari sono stati 318, i favorevoli 278, gli astenuti 31. Il testo sarà , dunque, di nuovo all’esame della Plenaria e sarà votato nella prossima sessione di settembre.

IL COPYRIGHT CHE SCOTTA – Tema caldissimo che in questi giorni ha diviso quanti pensano che sia un passaggio necessario e quanti parlano, invece, di limite alla libertà d’espressione, la riforma, pronta a rivoluzionare internet, porterebbe le piattaforme online che ospitano contenuti creativi prodotti da altri, senza corrispondere loro nessun pagamento, a rispettarne il copyright. Insomma, un conto è che una persona, una scuola, una biblioteca, un ricercatore scambi contenuti con altri anche se protetti da copyright,un altro è se a farlo siano le grandi piattaforme del web, con evidenti fini di guadagno.

Il rischio è che, alla fine della fiera, a rimetterci sia comunque gli utenti. Fatto sta che contro le nuove norme, in particolare sono l’art. 11 e l’art. 13 al centro del contendere, si sono mobilitati tutti i big di Internet da Google a Facebook. Persino Wikipedia ha protestato oscurando, nella giornata di ieri, il proprio sito in Italia e in altri Paesi, nonostante fosse stato specificato più volte che quelle norme non riguardano le enciclopedie online.

ITALIA DIVISA – L’Italia si è presentata divisa al voto sulla nuova direttiva europea sul copyright. Da un lato la maggioranza Lega M5s e dall’altro al Pd con i gialloverdi che gridano al “bavaglio” e i democratici che smontano “le bugie che stanno circolando sul provvedimento”

ESULTANO DI MAIO E SALVINI – “Oggi è un giorno importante, il segno tangibile che finalmente qualcosa cambia: il Parlamento ha smonto l’impianto della direttiva bavaglio. Il segnale è chiaro: nessuno si deve permettere di silenziare la rete e distruggere le incredibili potenzialità che offre in termini di libertà d’espressione e sviluppo economico”, lo ha detto il vicepremier e ministro del Lavoro, Luigi Di Maio, Rincara la dose Salvini: “Il Parlamento europeo vuole imbavagliare la Lega”. Che aggiunge: “Oggi il Parlamento europeo potrebbe imporre nuove barriere, filtri e restrizioni alla rete, cercando di imbavagliare noi, ma soprattutto voi! Viva Internet libero! E pieno supporto a Wikipedia per l’azione di forza”.

ATTACCA IL PD: “FALSITA’ DA LEGA E M5S” – “Falsità che circolano in questi giorni sulla riforma Ue del copyright”, questa la posizione degli eurodeputati del Pd. Per i dem: “E’ falso che l’art.13 “avrà effetti sull’intera struttura Internet”. Questo, infatti, spiegano “riguarda esclusivamente le piattaforme che ospitano contenuti creativi coperti dal copyright e che ottimizzano tale materiale, facendo ingenti guadagni senza corrispondere nulla o molto poco ai titolari di diritti. Si escludono i servizi che non agiscono per scopi commerciali come Wikipedia, Dropbox e software open source”.

Ma non la pensano tutti allo stesso modo. C’è anche chi come l’eurodeputato Daniele Viotti ha annunciato il voto contrario alla direttiva.

Copyright, l’Europarlamento rinvia il voto sulla riforma a sett...