Contributi previdenza, 900 milioni da pagare entro 16 marzo

(Teleborsa) – Ripresa dei pagamenti dei contributi previdenziali: 900 milioni di euro è il monte che entro il prossimo 16 marzo Partite IVA e piccole imprese dovranno versare in una unica soluzione o in 4 rate mensili.


A lanciare l’allarme è Federcontribuenti che sottolinea: ”Siamo il Paese dei paradossi. Da un lato abbiamo 1,25 milioni di nuclei familiari beneficiari di RdC per un importo medio di 528 euro. Dall’altro abbiamo 5,6 milioni di famiglie italiane in povertà assoluta a cui aggiungere un ulteriore milione di ex lavoratori spariti dalla pandemia. Da inizio pandemia sommando tutti gli aiuti del governo Conte (bonus cig, rdc, ect) abbiamo speso 9.568 miliardi di euro accumulando drammi invece di risolverli. Sospendere subito il pagamento delle tasse ed estendere il RdC a tutti i lavoratori rimasti inoccupati – anche ai titolari di partite Iva che non hanno potuto lavorare da un anno a questa parte”.

“Continuare a dare aiuti senza avere traccia di chi li riceve significa dirottare importanti somme pubbliche in favore dei non aventi diritto a danno di chi è allo stremo. Occorre un immediato condono fiscale ed estendere il Rdc a tutti i lavoratori rimasti inoccupati – anche ai titolari di Partita IVA che non hanno potuto lavorare da un anno a questa parte”.

Il prossimo 10 marzo, conclude la nota, le Partite IVA saranno a Roma.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Contributi previdenza, 900 milioni da pagare entro 16 marzo