Contrastate le borse asiatiche. Tokyo in retromarcia

(Teleborsa) – Giornata di vendite sulla piazza di Tokyo, colpita dalle prese di beneficio dopo i recenti guadagni. Da segnalare l’apprezzamento dello yen nei confronti del biglietto verde che ha penalizzato le maggiori società esportatrici e l’ennesimo rialzo del prezzo del petrolio. 
L’indice Nikkei ha terminato la seduta con una discesa dello 0,6% a 16.911,90 punti mentre il più ampio Topix ha perso l’1% a 1.361,90 punti.

Positive le borse cinesi, Shanghai +0,80% e Shenzhen +2,04%, nonostante il Congresso Nazionale del Popolo (NPC) abbia indicato per il 2016 un target di crescita economica al 6,5% dal 7% del 2015.

Tra le Borse già chiuse, Taiwan sale dello 0,19% mentre Seul avanza dello 0,11%. Segni misti tra i mercati ancora in contrattazione: Hong Kong consolida le basi precedenti, Singapore lima lo 0,08%, Bangkok guadagna l’1,30%, Kuala Lumpur lo 0,59% mentre Jakarta perde lo 0,18%.

Contrastate le borse asiatiche. Tokyo in retromarcia