Conti pubblici, Dijsselbloem invita l’Italia a “non esagerare” sulla flessibilità

(Teleborsa) – Jeroen Dijsselbloem ridimensiona i sogni di “flessibilità” del Governo italiano.

Parlando a margine della cerimonia di avvio della Presidenza dell’Olanda del Consiglio europeo, il Presidente dell’Eurogruppo ha chiesto all’Italia di “non esagerare” in tal senso perché “la flessibilità è un margine, si può usare una volta sola” mentre Roma ha chiesto più di una flessibilità: quella per le riforme strutturali, per i migranti e per gli investimenti.

Dijsselbloem ha poi precisato che tutto dipenderà dalla Commissione Europea, aggiungendo che sulla flessibilità migranti, determinata dall’impatto sui conti pubblici delle spese sostenute per l’emergenza profughi, bisognerà prima esaminare le spese effettivamente sostenute.

Ad ogni modo, ha poi dichiarato, c’è molta flessibilità esplicita nelle regole UE, e la Commissione l’ha chiarita.

Conti pubblici, Dijsselbloem invita l’Italia a “non esagerare” sulla flessibilità
Conti pubblici, Dijsselbloem invita l’Italia a “non esager...