Conti pubblici, Bruxelles non sanziona Spagna e Portogallo

(Teleborsa) – Passa la flessibilità sui conti di Spagna e Portogallo. La Commissione Europea ha deciso di non sanzionare i due paesi membri dell’UE per l’infrazione delle regole europee sui conti pubblici. 

Nessuna sanzione, dunque, ma solo una sorveglianza per il rientro dal deficit. 

Lo ha annunciato il vicepresidente Valdis Dombrovskis spiegando che la decisione verrà formalmente proposta al Consiglio europeo, “ora starà ai ministri decidere”. In tempi di euroscetticismo, spiega l’UE, “l’approccio punitivo non è il migliore”. 

L’UE ha elaborato, intanto, nuove richieste di correzione dei conti pubblici ai due Paesi in infrazione. Dal Portogallo chiede il rientro dal deficit eccessivo già nel 2016, con un disavanzo in calo del 2,5%. Per la Spagna il rientro sotto il limite del 3% del PIL è richiesto dal 2018.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Conti pubblici, Bruxelles non sanziona Spagna e Portogallo