Conte: dati occupazione confortano ma resta molto da fare, agire su freni strutturali crescita

(Teleborsa) – Gli ultimi dati Istat sull’occupazione “ci confortano ma, naturalmente, siamo coscienti del fatto che molto rimane da fare”. Lo ha detto il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, nel suo intervento all’assemblea dell’Ania, l’Associazione nazionale tra le imrese assicuratrici.

“Secondo l’ISTAT, il tasso di occupazione a maggio è salito al 59%, dal 1977, cioè da quando sono disponibili le serie storiche di questo indicatore. Sono altrettanto significativi – ha detto Conte – il ritorno ad una base occupazionale di 23 milioni e 387 mila unità, il calo del tasso di disoccupazione finalmente attestatosi al di sotto della doppia cifra, la discesa del tasso di disoccupazione giovanile, l’aumento dei dipendenti stabili in misura maggiore di quelli a termine in valore assoluto, a conferma di un trend costante proprio a decorrere dall’entrata in vigore del decreto-legge “Dignità”.

Il premier ha poi sottolineato la necessità di affrontare alla radice cause che frenano la produttività. “Non sfugge al mio Governo l’esigenza di affrontare alla radice le cause strutturali che stanno frenando da molti anni la dinamica della produttività italiana” anche attraverso una “più efficace sinergia tra politiche pubbliche e mondo imprenditoriale”.

“Il valore di PIL prodotto per addetto si colloca, nel nostro caso, ad un livello inferiore a quello delle altre maggiori economie continentali: è un indicatore cruciale – ha detto Conte – che, oltre a rendere chiari i motivi per cui negli ultimi dieci anni l’Italia è cresciuta mediamente di un punto percentuale al di sotto dell’Eurozona, rende l’idea anche delle potenzialità di crescita attuali”.

“Le incertezze che contraddistinguono lo scenario macroeconomico mondiale – osserva ancora il premier – non sono ancora state neutralizzate, né da parte nostra si può abdicare al dovere di promuovere i necessari passi di trasformazione della governance economica europea”.

Rivolgendosi alla platea del mondo assicurativo, Conte garantisce che sarà riservata “la dovuta attenzione al quadro regolatorio di settore, a valle dell’attuazione della direttiva sulla distribuzione assicurativa, ed alla luce delle criticità legate all’estensione della normativa di Basilea II all’ambito assicurativo”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Conte: dati occupazione confortano ma resta molto da fare, agire su fr...