Conte: “2019 sarà bellissimo”. Confindustria lo gela: crescita vicino a zero

Sarà un bellissimo 2019? Secondo il Premier Conte ci sono tutte le premesse, ma Confindustria lancia l'allarme

(Teleborsa) – Subito dopo i dati Istat sul Pil che sentenziano l’Italia in recessione, a calmare gli animi provando a fare professione di ottimismo ci pensa il Premier Giuseppe Conte:Ci sono tutte le premesse per un bellissimo 2019 e per gli anni a venire”, ha detto. “L’Italia ha un programma di ripresa incredibile. C’è tanto entusiasmo e tanta fiducia da parte dei cittadini e c’è tanta determinazione da parte del governo“.

Non sembra pensarla così il mondo delle imprese con Confindustria che lancia l’allarme – “L’Italia deve reagire quanto prima” al rallentamento dell’economia. La strada è quella di “aprire i cantieri” sbloccando risorse già stanziate per 30 miliardi di euro. Bisogna fare in fretta perché “a gennaio avremo un rallentamento ancora superiore”, dice il numero uno di Viale dell’Astronomia, Vincenzo Boccia.

Ipotesi Manovra bis? – Nonostante le rassicurazioni del Governo, dunque, si fa strada l’ipotesi di una Manovra bis. Il rallentamento del Pil potrebbe far saltare infatti il quadro dei conti pubblici concordato con grande fatica con Bruxelles spalancando le porte a una correzione in corso d’anno da 4-5 miliardi. Adesso è ancora troppo presto per dare una risposta: in assenza di eccessive turbolenze sui mercati e impennate dello spread, l’esecutivo gialloverde, potrebbe non essere costretto a rimettere mano alle scelte fatte appena un mese fa.

Conte: “2019 sarà bellissimo”. Confindustria lo gela: crescita vi...