Consumi, tornano le castagne italiane: +80% in 5 anni

(Teleborsa) – L’estate ci ha appena salutati ed è già tempo di autunno e di castagne che di questa stagione che precede l’inverno sono praticamente il simbolo. E così, dopo aver rischiato la scomparsa tornano le castagne italiane con un raccolto stimato quest’autunno superiore a 30 milioni di chili in aumento dell’80% rispetto a cinque anni fa, quando era stato raggiunto il minimo storico di 18 milioni di chili a causa della strage provocata da un insetto alieno, il cinipide galligeno del castagno, proveniente dalla Cina che per anni ha infestato i boschi lungo la Penisola. Lo rende noto Coldiretti.

Con la ripresa della produzione nazionale, calano anche le importazioni, ma resta alto il rischio – prosegue Coldiretti – di trovarsi nel piatto, senza saperlo, castagne straniere provenienti soprattutto dalla Turchia, Spagna, dal Portogallo e dalla Grecia. Infatti l’Italia, nel corso del 2017, ha importato oltre 21 milioni di chili di castagne (in frenata rispetto ai quasi 38 milioni di chili del 2016), spesso spacciate per italiane, con forti ripercussioni sui prezzi corrisposti ai produttori.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Consumi, tornano le castagne italiane: +80% in 5 anni