Consumi, maggio ancora a segno meno

(Teleborsa) – Si muovono ancora in territorio negativo i consumi, a segno meno anche nel mese di maggio e rispetto ad un anno fa, segnando una flessione del 27 per cento, risultato tuttavia migliore del -63 per cento di aprile. Ancora fortemente negativo il bilancio da inizio anno, con una flessione del 49%.


E’ quanto emerge dall’Osservatorio permanente Confimprese-EY sui consumi di mercato stando al quale a soffrire di più, come prevedibile, il settore della ristorazione, che a maggio perde quasi il 50 per cento rispetto allo stesso periodo 2019. Seguono le vendite di abbigliamento e accessori (-22%).

Guardando lo Stivale, meglio il Sud con un calo dei consumi del 17 per cento, in deciso recupero rispetto al -66 per cento di aprile. Maglia nera, invece, al Nord-est, con -32 per cento, seguita dall’area Centro, con -32 per cento. E’ l’Umbria a mostrare i segnali peggiori, chiudendo a -35 per cento, la Toscana perde il 30 per cento e la Liguria il 29 per cento.

Tra le città decisamente male Firenze (-55 per cento), tallonata da Venezia, al -47 per cento, che pagano l’assenza del turismo internazionale.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Consumi, maggio ancora a segno meno