Consumi, il 2015 è stato il primo anno positivo dal 2007

(Teleborsa) – Nel 2015, i consumi sono saliti per la prima volta dal lontano 2007, prima dello scoppio della crisi finanziaria e della lunga recessione che ha colpito le economie sviluppate. Lo rivela Confcommercio, segnalando che il suo indicatore dei consumi è cresciuto dell’1,6%.

Per il solo mese di dicembre, invece, l’indicatore dei consumi Confcommercio è rimasto stabile rispetto al mese precedente ed è cresciuto dell’1,7% rispetto allo stesso mese del 2014. La relativa stagnazione dei consumi, proprio nel periodo dello shopping natalizio, è da imputare al calo dei beni e servizi per la mobilità (-0,4%), dei beni e servizi per le comunicazioni (-0,2%) e  dei beni e i servizi per la casa (-0,1%). Crescono invece le voci di spesa relative ai regali ed alle festività: abbigliamento e calzature (+0,1%), alberghi, pasti e consumazioni fuori casa (+0,2%), beni e servizi ricreativi (+0,1%).

La crescita tendenziale dell’ICC (+1,7%) riflette l’andamento positivo sia della domanda relativa ai servizi (+1,5%), sia di quella per i beni (+1,8%). Positiva in particolare, come nei mesi precedenti, la domanda di beni e servizi per la mobilità (+8,1%).

Per il mese di febbraio 2016 l’Ufficio Studi Confcommercio stima, rispetto a gennaio, una variazione nulla grazie soprattutto alla flessione dei prezzi degli energetici. Nel confronto con febbraio 2015 la variazione dei prezzi al consumo dovrebbe attestarsi a -0,1%.

Consumi, il 2015 è stato il primo anno positivo dal 2007