Consob, Savona sulle criptovalute: “Genio della lampada. E’ tempo di scelte”

(Teleborsa) – Il 2020 “è stato uno degli anni peggiori” dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, ma il risparmio degli italiani e le esportazioni, “due pilastri della nostra economia”, hanno tenuto nonostante lo choc provocato dalla pandemia e la ripresa dell’Italia è avviata. E’ questa la sintesi del discorso annuale pronunciato la Presidente della Consob, Paolo Savona, che ha parlato anche della riforma fiscale e, molto diffusamente, di un tema caldissimo: la diffusione delle criptovalute ed il rischio che si possa replicare una crisi come quella dei derivati del 2006.

“I risultati dell’anno hanno confermato la valutazione espressa nei precedenti Discorsi che il risparmio e le esportazioni sono i due pilastri della forza sociale ed economica del Paese”, ha esordito il Presidente della Consob.

“Il saggio di risparmio delle famiglie italiane rispetto al reddito disponibile è cresciuto del 50% ma, ove si escludano i risparmi investiti nelle società quotate, il suo rendimento è restato piuttosto basso, prossimo a zero”, ha dichiarato Savona, ricordando che “ogni punto percentuale di remunerazione si può stimare nell’ordine di circa 30 miliardi, quasi il 2% del Pil” e notando che, a causa della crisi, il risparmio “ha contribuito significativamente a sostenere la stabilità dei mercati, senza però aver prodotto la crescita reale attesa dalla sua ‘eutanasia’ ipotizzata da Keynes”.

Nel primo trimestre 2021, il commercio mondiale ha superato i livelli pre-crisi e “le esportazioni italiane sono continuate a tassi di crescita doppi rispetto ad esso, a conferma della resilienza e della dinamicità delle nostre imprese del settore”, ha indicato il Presidente, aggiungendo che “il Paese si è avviato verso la ripresa economica fin dalla seconda parte dell’anno e, più nettamente, nei primi mesi del 2021″, e che emerge ora la “volontà di affrontare i problemi irrisolti, anche avvalendosi del mutamento di attitudine di politica fiscale dell’Unione Europea, necessario fondamento della coesione tra paesi membri”.

Il Presidente della Consob ha fatto cenno anche alla crescita del debito pubblico “per far fronte alle difficoltà economiche e sociali” create dalla pandemia ed ha sottolineato che, nel contempo, la “fiducia nelle capacità di reazione dell’economia italiana è cresciuta, come testimonia la significativa riduzione dello Spread tra i tassi dell’interesse dei Btp e Bund”. “Questo risultato – ha affermato – è anche frutto delle decisioni prese dalla BCE di acquistare volumi significativi di titoli pubblici e dalla Commissione europea di sospendere, anche se temporaneamente, il Patto di stabilità e di lanciare il Piano Next Generation EU”.

“E’ necessario integrare le decisioni finora prese per incentivare il capitale di rischio delle imprese al fine di migliorare la loro leva finanziaria e renderle più disponibili a intraprendere nuove iniziative”, ha sottolineato Savona, aggiungendo che “offre un’occasione importante la riforma del fisco sollecitata da tempo e ribadita nel quadro del PNRR”, soprattutto se “si assegna a essa il compito di considerare le istanze produttive sullo stesso piano di quelle etiche nelle valutazioni dell’equità distributiva”.

Una citazione anche al Nobel dell’economia 2020 a Robert Wilson e Paul Milgrom ed al principio dell’ottimo paretiano, secondo cui esiste un punto della redistribuzione del reddito in cui il miglioramento del benessere di alcuni non si può ottenere senza causare il peggioramento di quello degli altri, un principio – ha rimarcato – che “vale sia per le generazioni presenti che tra queste e le generazioni future”. “L’intervento dello Stato per fini sociali ha raggiunto nell’anno forme e livelli inusuali, senza però attenuare la pressione sulle risorse pubbliche da parte dei cittadini”, ha sottolineato Savona.

Un lungo passaggio del discorso ha affrontato un tema caldissimo, quale quello della diffusione delle criptovalute e dell’intercambiabilità con gli strumenti “tradizionali”. “L’informatica finanziaria è una lampada prodigiosa dalla quale è uscito il Genio“, ha affermato il Presidente della Consob, indicando che le Autorità di regolamentazione e vigilanza devono usare le stesse tecniche digitali per regolamentare queste attività. “Si deve prendere atto che ci troviamo di fronte a mutamenti rivoluzionari dei mercati monetari e finanziari che vanno affrontati con urgenza“, ha detto Savona, aggiungendo che “non bastano più gli avvertimenti rivolti agli investitori sui rischi che corrono operando in cryptocurrency” e che “si deve passare alle scelte”.

Savona ha richiamato la necessità di “un’esatta comprensione” che possa portare ad una regolamentazione, per evitare “conseguenze negative sulla stabilità micro e macro sistemica del mercato mobiliare” e quindi sui risparmi e sulla crescita economica. E a proposito delle scelte ha detto che è tempo che “strutture di consultazione formale tra organi di Governo e autorità indipendenti imprimano un indirizzo unitario alle scelte in materia, anche in vista della posizione da assumere di fronte alle iniziative europee e internazionali in corso”.

“Come la storia insegna, ogni rivoluzione tecnologica causa conseguenze culturali e sociali, senza però arrestarne l’affermarsi”, dice Savona, accennando anche alla crisi dei derivati ed alla possibilità di “una nuova crisi di mercato”, la cui “responsabilità”- ha aggiunto – ricadrebbe sullo Stato “come già accaduto in passato, a causa della legittimazione silente o palese della loro esistenza e la coscienza che attraverso le innovazioni finanziarie si possono realizzare manipolazioni del mercato”.

Il Presidente della Consob ha fatto anche un rapido cenno alla “non obiezione” dell’Authority alla vendita di borsa italiana ad Euronext, assicurando che Consob continuerà a monitorare gli “impatti operativi dell’operazione in attuazione del piano di integrazione e del piano industriale su basi federali previste dall’accordo tra soci”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Consob, Savona sulle criptovalute: “Genio della lampada. E&#8217...