Consiglio UE, Renzi: “Nessun bilaterale con Juncker”

(Teleborsa) – Brexit, economia, migranti, temi internazionali come la crisi in Siria. Sono questi i temi al centro del vertice del Consiglio UE in corso a Bruxelles. Il vertice che ha preso il via ieri si concluderà oggi. Chi si aspettava,invece, un incontro tra il Premier Renzi e il Presidente della Commissione UE Juncker per parlare della Manovra rimarrà deluso.  

Lo ha confermato lo stesso Presidente del Consiglio, che al termine della prima giornata di lavori ha dichiarato di aver visto Juncker “durante la riunione” ma ha precisato: “non è previsto un bilaterale”. Sulla legge di bilancio, Renzi rimane perentorio: “la Manovra non cambierà, anche se dovessero arrivare rilievi dall’UE”.

Il Premier ha poi parlato della suggerimento italiano sui migranti. “Trovo molto importante -ha detto- che sia stato approvato quel testo venuto dalla proposta italiana in base il quale si deve riconoscere lo sforzo di quei Governi che stanno subendo di più l’immigrazione. E quindi mi pare che sia un bel passo in avanti”. Una posizione quella del Presidente del Consiglio che ribadisce la tesi secondo cui “la UE deve fare una procedura di infrazione a quei Paesi che hanno promesso di fare la ricollocazione dei migranti e non hanno mantenuto gli impegni”.

Nel pomeriggio, prima dell’arrivo al Consiglio UE, Renzi aveva incontrato gli eurodeputati PD. Nella riunione, il Premier ha detto che le condizioni dell’Europa sono la maggiore preoccupazione nel mondo. 

Consiglio UE, Renzi: “Nessun bilaterale con Juncker”