Confindustria, a due giorni dall’elezione del Presidente il risultato è in bilico

(Teleborsa) – La corsa per la successione di Confindustria giunge all’ultimo miglio: sarà giovedì il giorno in cui si conoscerà il nome del nuovo Presidente dell’associazione di viale dell’Astronomia. 

I 198 membri del Consiglio generale dovranno scegliere fra i due candidati rimasti in corsa, Alberto Vacchi e Vincenzo Boccia. A due giorni dal gran finale il risultato della votazione resta in bilico, poiché il distacco fra i due imprenditori è esiguo, come avvenne nel 2012 quando uscì vincitore l’attuale Presidente Giorgio Squinzi. 

A caratterizzare il rinnovo del vertice di Confindustria, partito con ben quattro candidature, sono state anche nuove regole per l’elezione ed un lungo silenzio stampa per i candidati in corsa. Sebbene Boccia sia stato a lungo indicato come favorito, la votazione finale potrebbe riservare molte sorprese.

Il bolognese Alberto Vacchi, considerata un’elezione in discontinuità, ha dalla sua molte imprese del Nord e dell’Emilia, oltre ai sindacati ed all’industria metalmenccanica.

Nel segno della continuità sarebbe invece l’elezione del salernitano Vincenzo Boccia, che conta sull’appoggio del Centro-Sud, della piccola industria, dei Giovani Imprenditori e dell’ex di Confindustria Emma Marcegaglia.

Confindustria, a due giorni dall’elezione del Presidente il risultato è in bilico
Confindustria, a due giorni dall’elezione del Presidente il risu...