Confcommercio su inflazione: preoccupa la debolezza dei consumi

(Teleborsa) – “L’inflazione si mantiene ai minimi storici e il versante dei prezzi resta il principale baluardo a sostegno di un minimo di potere d’acquisto per le famiglie. Al di là del fatto preoccupante che la stessa debolezza dei consumi comprime la variazione dei prezzi, il dato di ottobre presenta la favorevole caratteristica della compressione dei prezzi dei prodotti energetici, fenomeno che si riflette in una modesta ma significativa crescita dell’inflazione core”. E’ il commento dell’Ufficio Studi di Confcommercio ai dati Istat di oggi sull’inflazione.

“Il contesto macroeconomico interno e internazionale non consente – continua la nota – però di immaginare che queste indicazioni siano l’inizio di un processo di avvicinamento al target del 2%. L’inflazione italiana è ormai da quasi sette anni sotto tale soglia. Mediamente da inizio 2013 i prezzi hanno mostrato una variazione tendenziale dello 0,6%, che è anche l’inflazione acquista per l’anno in corso”.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Confcommercio su inflazione: preoccupa la debolezza dei consumi