Confagricoltura a Ecomondo per rivendicare il ruolo del settore primario nello sviluppo sostenibile

(Teleborsa) – “La siccità che ha colpito il nostro Paese quest’anno ha portato alla luce temi che noi conosciamo già da tempo. È un processo continuo, che si verifica ormai da diversi anni, un cambiamento lento che in alcuni momenti come quest’anno, si sente ancora più importante”.

Queste le parole di Ezio Veggià, Presidente sezione bioeconomia in Confagricoltura, presente al salone dell’economia green Ecomondo, in corso di svolgimento alla Fiera di Rimini, dal 7 novembre al 10 novembre 2017.

“L’agricoltura torna al centro dell’attenzione per un insieme di motivi: si parla di economia circolare e di sicurezza alimentare”, afferma Veggià.

“È chiaro che il primo compito dell’agricoltura è di fornire cibo alle popolazioni in continua crescita. Cibo in sicurezza e in quantità adeguata”, premette il portavoce di Confagricoltura presente a Ecomondo, aggiungendo poi che l’agricoltura può svolgere anche altre funzioni legate soprattutto al turismo e alla valorizzazione locale del presidio del territorio, ma adesso si parla anche di rapporto energetico, cioé economia circolare e bioteconomia.

Sono tutte funzioni che l’argicoltura già svolgeva prima dell’era del petrolio, ma “ora si deve ritornare a dare all’agricoltura il ruolo di settore primario, che non ha mai perso”, afferma Veggià, concludendo “noi come Confagricoltura siamo pronti a cogliere questa sfida” anche con l’uso di strumenti “smart ed inclusive”.

Confagricoltura a Ecomondo per rivendicare il ruolo del settore primario nello sviluppo sostenibile
Confagricoltura a Ecomondo per rivendicare il ruolo del settore primar...