Concorso scuola sotto una pioggia di ricorsi. Moltissimi giovani eslcusi

(Teleborsa) – Appena chiuse le iscrizioni del Concorso scuola 2016, ma il numero delle domande è nettamente inferiore alle previsioni – 165 mila contro i 200 mila attesi dal Ministero – e l’inizio delle prove potrebbe essere tardato dalla pioggia di ricorsi presentati dai sindacati, a causa dell’esclusione di numerose categorie di docenti. 

I ricorsi presentati dall’Anief, ad esempio, superano quota 25mila e forse si arriveranno a 30mila: “si tratta di un candidato su sei escluso dalle prove, dopo che si è formato per anni proprio raggiungere tale obiettivo”, sottolinea il sindacato. Le Regioni con più ricorsi sono Sicilia, Campania e Lombardia.

Il Miur sottolinea che l’età media delle domande presentate per il concorso è pari a 38,6 anni, con un netto ringiovanimento del corpo docente. Il sindacato però ribatte che “il vero ringiovanimento del corpo docente italiano si sarebbe potuto raggiungere aprendo la selezione indistintamente a tutti i laureati, perché il 55% dei primi 20 mila ricorrenti hanno tra i 22 e i 35 anni”.

Secondo il Presidente del sindacato, Marcello Pacifico, “serviva una fase transitoria, prima dell’entrata a regime del nuovo reclutamento previsto dalla Legge 107/15, ma il Ministero non ha voluto”. “Occorreva riservare, da una parte, il 40% dei posti messi a bando a chi ha svolto oltre 36 mesi di servizio” e “aprire a quei giovani laureati che hanno studiato all’Università per fare questo mestiere. Invece, si sono calpestati i più elementari principi di meritocrazia e parità di accesso alle selezioni pubbliche”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Concorso scuola sotto una pioggia di ricorsi. Moltissimi giovani eslcu...