Concorso DSGA, Anief ricorre per inserire tutti gli idonei nelle graduatorie di merito

(Teleborsa) – “Un passo avanti che però non è affatto risolutivo”. Commenta così l’Anief le novità riguardanti l’assunzione dei Direttori dei servizi generali e amministrativi (Dsga). “Al via libera del Parlamento delle assunzioni in corso d’anno scolastico, – spiega il sindacato – ora si aggiunge la possibilità di procedere sino alla fine del 2021 con le immissioni in ruolo tramite il sistema della “call veloce”, la modalità quest’anno introdotta per gli insegnanti. Da un approfondimento del testo del decreto di agosto n. 104, approvato in via definitiva il 12 ottobre alla Camera e appena pubblicato in Gazzetta Ufficiale, risulta infatti l’assenso a procedere con le modalità di reclutamento del personale Dsga risultato vincitore o idoneo del concorso indetto con pubblicazione in GU del 21 dicembre 2018 già nell’anno scolastico in corso 2020/21. Ma non basta”.

“Dopo le ultime immissioni in ruolo di agosto sono più di duemila i posti per i Direttori dei servizi generali e amministrativi ancora vacanti nelle nostre scuole. Per questo motivo – afferma Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief – il legislatore è intervenuto nella conversione del decreto legge 104 aumentando il numero degli idonei dal 20 al 50%. Per Anief questa quota continua a essere insufficiente e dovrebbero essere inseriti nelle graduatorie di merito tutti gli idonei. Ribadiamo quindi, insieme all’Ufficio legale dell’Anief, la possibilità per tutti gli idonei che non dovessero essere inseriti nelle graduatorie di ricorrere per rivendicare questo diritto. In passato abbiamo sempre vinto nei tribunali”.

Se è vero che le immissioni in ruolo dei vincitori del concorso per Direttori dei servizi generali e amministrativi saranno effettuate entro il prossimo 31 dicembre, sulla base delle graduatorie di merito previa presentazione di un’istanza, agli iscritti nelle graduatorie di merito nei limiti della quota di idonei, il sindacato sottolinea che ci si è dimenticati delle reggenze. “Anche se dovessero essere inseriti in graduatoria tutti gli idonei – sottolinea Pacifico – il numero sarà sempre esiguo perché rimarranno confermate anche le reggenze. E perché i facenti funzione continuano a non essere considerati”.

Considerando l’ancora alto numero di posti vacanti e disponibili come Dsga – continua il leader del giovane sindacato – “la soluzione per l’Anief è quella di organizzare un concorso riservato per gli amministrativi facenti funzione che da più lustri si caricano di un ruolo superiore in cambio di responsabilità enormi e compensi risibili, affinché vengano confermati in questi ruoli. Ruoli che oggi più che mai, con l’emergenza Covid-19, – conclude Pacifico – devono essere stabili nelle scuole”.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Concorso DSGA, Anief ricorre per inserire tutti gli idonei nelle gradu...