Commercio ancora in difficoltà, negozi e pubblici esercizi continuano a chiudere

(Teleborsa) – Il dato diffuso oggi dall’Istat, sul clima di fiducia delle imprese e dei consumatori, nel primo caso deteriorato mentre nel secondo migliore delle previsioni, è stato accolto con un atteggiamento piuttosto cauto dai commercianti. 

Per Confcommercio i dati emersi oggi confermano la presenza di alcuni elementi d’incertezza che rischiano di limitare la possibilità della nostra economia di avviarsi su un sentiero di crescita più sostenuto rispetto a quanto registrato fino ad oggi. 

Secondo Confesercenti “la ripresa della spesa è ancora troppo lenta” negozi e pubblici esercizi continuano a chiudere”. Per i commercianti, il deterioramento del clima tra le imprese è dovuto agli “andamenti oscillatori di vendite e fatturato”, che faticano a situarsi su una traiettoria chiara di crescita, come è emerso anche dai recenti dati sull’industria e sulle vendite al dettaglio di novembre.

Sul commercio al dettaglio, in particolare, pesa la ripresa ancora troppo debole e a corrente alternata dei consumi. Il boom di fiducia dei consumatori, spiega l’Ufficio Economico Confesercenti, “non ha portato a variazioni significative della dinamica di spesa delle famiglie”. La maggiore disponibilità, dovuta alla diminuzione dei livelli di disoccupazione e all’aumento del potere d’acquisto dovuto alla bassa inflazione, si è infatti indirizzata soprattutto a ricostituire il risparmio bruciato durante la crisi, durante la quale gli italiani hanno fronteggiato la caduta del reddito con una riduzione del risparmio di circa 50 miliardi.

Guardando al prossimo futuro, i commercianti stimano che gli aumenti del reddito disponibile delle famiglie non andranno ad accrescere i consumi, se non in maniera parziale.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Commercio ancora in difficoltà, negozi e pubblici esercizi continuano...