Commercianti non convinti da ripresa fiducia famiglie e imprese

(Teleborsa) – Commercianti ed esercenti non sono convinti che la ripresa della fiducia di famiglie e imprese registrata dall’Istat a dicembre sia l’inizio di una vera inversione di tendenza e ritengono che la sola ripresa di questo mese non sia sufficiente a cancellare l’incertezza. Nessuna “novità” quindi né “ventata di ottimismo” sulle prospettive dei crescita dell’economia italiana.

“I dati relativi a dicembre, pur segnalando un miglioramento diffuso del sentiment, non possono essere letti come una chiara indicazione d’inversione positiva del ciclo delle aspettative – ha sottolineato Ufficio Studi di Confcommercio – l’osservazione dei climi in serie storica lunga suggerisce che la fiducia delle famiglie staziona sui minimi degli ultimi due anni e quella delle imprese è ai livelli più bassi nell’ultimo quinquennio“.

Confcommercio ha precisato quindi che “è con questo capitale fiduciario che si entra nel 2020, un anno complicato sia per la ripresa economica sia per la finanza pubblica”.

Secondo Confesercenti “la ripresa di dicembre non basta a cancellare l’incertezza di famiglie ed imprese”, in quanto “le aspettative delle famiglie sono ancora relegate in un’area se non proprio di pessimismo di forte insicurezza“.

“Il comparto del commercio, inoltre – afferma – segnala una ripresa di fiducia ma concentrata nella grande distribuzione, mentre i piccoli negozi restano ancora a guardare e sono più incerti”.

Questa chiusura d’anno non porta grandi novità né grandi ventate di ottimismo, per questo si tratterà veramente di rilanciare le capacità di intervento sull’economia per creare maggiori prospettive di crescita”, ha concluso Confesercenti.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Commercianti non convinti da ripresa fiducia famiglie e imprese