Coldiretti, allarme smog in città e siccità in campagna

(Teleborsa) – Città e campagne del Nord Italia con allarme smog e siccità: caduto l’ 85% di pioggia in meno rispetto alla media, con punte del -96% a Milano. E’ quanto emerge da una analisi di Coldiretti sui dati territoriali Ucea relativi alla seconda decade di febbraio dai quali emerge peraltro una situazione anomala in tutto il nord dal Piemonte (-83%) al Veneto (-92%), dall’Emilia Romagna (-85%) al Friuli Venezia Giulia (-95%), dalla Liguria (-88%) al Trentino Alto Adige (-93%).

“L’anomalia climatica – precisa Coldiretti – è percepibile anche dalle alte temperature con le massime che al nord sono risultate 1,5 gradi superiori alla media mentre il differenziale sale addirittura a 2,7 gradi per quelle minime, nel periodo considerato. Se nelle città la mancanza di pioggia ha causato l’innalzamento dei livelli di inquinamento, nelle campagne, è la siccità a preoccupare per la mancanza di acqua necessaria alle piante per la stagione irrigua”.

Per Coldiretti “bisogna intervenire in modo strutturale con il contenimento delle emissioni ma anche favorendo nelle città la diffusione del verde pubblico e privato capace di catturare lo smog”, con pure l’introduzione di “misure di defiscalizzazione degli interventi su giardini e aree verdi da realizzare con un meccanismo simile a quello previsto per il risparmio energetico, le abitazioni, i mobili o gli elettrodomestici”.

Coldiretti, allarme smog in città e siccità in campagna