CNH, rinnovato il contratto collettivo per i 17 mila dipendenti

(Teleborsa) – E’ stato firmato in data odierna il rinnovo del Contratto Collettivo Specifico di Lavoro (CCSL) da parte di CNH Industrial. Alla presenta di Fim-Cisl; Uilm-Uil, FIsmic, Ugl metalmeccanici e AQCF-R il nuovo accordo, in vigore per il quadriennio che va dal 2019 al 2022, sarà applicato agli oltre 17.000 dipendenti del Gruppo che lavorano in Italia.

L’intesa concordata prevede, come punti centrali di aggiornamento delle clausole, un aumento delle retribuzioni contrattuali del 2% per ciascun anno di applicazione e il miglioramento del bonus legato agli obiettivi di efficienza correlati al WCM, con l’obiettivo di valorizzare ulteriormente il contributo e il coinvolgimento dei lavoratori.

Ad essere enfatizzato nel documento siglato dalle parti, anche il perfezionamento del sistema di Welfare aziendale per cui si è previsto un innalzamento della contribuzione a carico dell’azienda per la previdenza complementare nel 2019 e per tutti i piani di assistenza sanitaria integrativa nel 2020.

Si è inoltre potenziato anche il sistema delle relazioni sindacali, attraverso l’ampliamento delle competenze e il miglioramento del funzionamento delle commissioni, espressione concreata del percorso partecipativo a cui le parti intendono continuare ad ispirarsi e all’impegno reciproco verso il pieno rispetto delle regole contrattate

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

CNH, rinnovato il contratto collettivo per i 17 mila dipendenti