Clonato il sito di Prada. La Guardia di Finanza smaschera la rete cinese

(Teleborsa) – Imitato il sito di Prada, per vendere capi ed accessori di abbigliamento falsi provenienti dalla Cina. La Guardia di Finanza di Pordenone ha scoperto una rete criminale che vendeva su internet prodotti contraffatti della maison italiana. La denominazione del sito sembrava non lasciare dubbi circa la sua autenticità così come l’originalità dei prodotti pubblicizzati. I prezzi dei prodotti offerti in vendita, inoltre, erano equivalenti a quelli degli outlet ufficiali gestiti dalla griffe italiana, contribuendo a conferire credibilità al sito telematico.
Per evitare ulteriori danni all’azienda ed impedire il protrarsi delle truffe per gli utenti di internet, le Fiamme Gialle hanno ottenuto dalla Autorità Giudiziaria pordenonese il sequestro e l’oscuramento del sito per ben 90 provider di tutto il mondo. 

Il mercato del falso in Italia genera un fatturato di 6,5 miliardi e colpisce soprattutto l’abbigliamento e gli accessori per 2,2 miliardi, il comparto cd, dvd e software per 1,8 miliardi e i prodotti alimentari per poco più di un miliardo di euro. Lo segnala la Coldiretti, aggiungendo che se i prodotti contraffatti fossero realizzati e commercializzati sul mercato legale la produzione aggiuntiva genererebbe ben 105mila lavoratori regolari occupati a tempo pieno. Al danno economico ed occupazionale si aggiunge quello di immagine con la presenza sul mercato di prodotti di imitazione che non hanno le stesse caratteristiche qualitative di quelli originali ma in alcuni casi, come per i prodotti alimentari e farmaceutici, i rischi riguardano anche la salute dei potenziali acquirenti.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Clonato il sito di Prada. La Guardia di Finanza smaschera la rete cine...