Cina, primo bilancio della crisi da coronavirus: produzione, commercio e investimenti a picco

(Teleborsa) – Produzionen industriale cinese a picco a febbraio per effetto del blocco delle attività imposto dall’epidemia di coronavirus, scoppiata proprio in questo mese in Cina e dilagata poi nel resto del mondo.

A febbraio, la produzione è crollata del 13,5%, evidenziando una pesante decelerazione rispetto al +6,9% di gennaio, e risultando superiore alle attese che erano per una crescita dell’1,5%. Lo rileva il Bureau of Statistics cinese.

Crollano anche gli investimenti delle imprese che nello stesso mese di febbraio hanno evidenziato un pesante calo del 24,5% contro il 5,4% precedente e rispetto al +2,8% del consensus. La chiusura di molte aziende ha fatto impennare il tasso di disoccupazione al 6,2% dal 5,2% precedente.

Lo stop dei negozi, unito all’isolamento della popolazione, ha fatto colare a picco anche il commercio al dettaglio, che evidenzia un calo del 20,5%, (+8% il precedente e +0,8% le attese). Da inizio anno le vendite al dettaglio segnano un -21%.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Cina, primo bilancio della crisi da coronavirus: produzione, commercio...