Cina, prezzi produzione positivi. Prima volta in un anno

(Teleborsa) – Nel mese di gennaio, l’inflazione della Cina misurata dall’indice dei prezzi al consumo è scesa dello 0,3% su base annua, in rallentamento rispetto al +0,2% registrato nel mese precedente. Il dato risulta anche peggiore delle aspettative degli analisti che avevano previsto un dato invariato.

In linea con le stime, invece, il tasso di inflazione misurato dall’indice dei prezzi alla produzione: salito su base annua dello 0,3%, riportando una variazione positiva per la prima volta in 12 mesi. A dicembre i prezzi di fabbrica erano scesi dello 0,4%.

I prezzi alla produzione cinese hanno iniziato a diminuire un anno fa, quando la pandemia di coronavirus ha devastato prima l’economia nazionale e, poi, le altre parti del mondo. La domanda e la produzione nel settore industriale sono state entrambe appesantite colpendo i prezzi delle materie prime, sottolinea il National Bureau of Statistics cinese.

Ora, spinti dal miglioramento della domanda interna e dall’aumento dei prezzi del petrolio greggio, del minerale di ferro e di altre materie prime, i prezzi alla produzione cinese sono aumentati dell’1%, a gennaio, su base mensile.
Con la produzione industriale e la domanda che continuano a migliorare, l’indice dei prezzi alla produzione cinese rimarrà probabilmente in territorio positivo per il resto dell’anno, ha affermato Zhang Ning, economista di UBS. Ciò probabilmente aumenterà la crescita degli utili per il settore industriale cinese, sostenendo la continua ripresa economica della Cina quest’anno – ha aggiunto.

La maggior parte degli analisti prevede che il prodotto interno lordo della Cina aumenterà di circa l’8% o anche di più quest’anno, dopo aver registrato un’espansione economica del 2,3% lo scorso anno.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Cina, prezzi produzione positivi. Prima volta in un anno