Cina, Li Keqiang: “Nessuna svalutazione dello yuan per stimolare le esportazioni”

(Teleborsa) – Pechino sta incontrando “crescenti difficoltà nel mantenere stabile la performance dell’economia”. Lo ha detto il Premier cinese Li Keqiang, in un messaggio alla conferenza organizzata dal World Economic Forum a Tianjin, città a nel Nord Est della Cina. La dichiarazione giunge all’indomani dei nuovi dazi commercialida parte dell’amministrazione statunitense nei confronti del Dragone.

La Cina da parte sua non ha fatto mistero che è pronta a rispondere alla decisione statunitense. “Abbiamo preparato strumenti sufficienti per gestire rischi e sfide che rafforzeranno al resilienza della Cina”, ha spiegato il Premier, visto che “l’economia cinese risente inevitabilmente dei cambiamenti nel contesto e nel commercio mondiali”. Ma tra queste misure non è in programma una “svalutazione dello yuan per stimolare le esportazioni. Un deprezzamento a senso unico della moneta cinese porterebbe a Pechino più danni che benefici: non faremo mai affidamento sulla svalutazione del cambio per stimolare le esportazioni”.

Cina, Li Keqiang: “Nessuna svalutazione dello yuan per stimolare...