Cina, il settore manifatturiero continua a deludere

(Teleborsa) – Continua a soffrire il settore manifatturiero cinese, sempre a causa della debolezza della domanda interna ed estera.

A giugno il Purchasing Managers Index (PMI) elaborato da Caixin Media e Markit è sceso per la sedicesima volta consecutiva, attestandosi a 48,6 punti rispetto ai 49,2 punti di maggio, deludendo le attese degli analisti che erano per 49,1 punti.
Da rilevare che 50 è il livello che separa la contrazione dall’espansione e che l’indice si trova sotto tale soglia da marzo 2015. Si tratta del dato più basso da gennaio.

Commentando il dato Zhengsheng Zhong, direttore delle analisi macro a CEBM Group ha dichiarato: “nel complesso, le condizioni economiche nel secondo trimestre sono state notevolmente più deboli rispetto al primo trimestre, il che significa che non vi è stato alcun allentamento della pressione al ribasso sulla crescita”.

Diverso il quadro dipinto dall’Ufficio di Statistica cinese, secondo il quale il PMI manifatturiero della Cina è sceso a 50 punti da 50,1, centrando in pieno il consensus.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Cina, il settore manifatturiero continua a deludere