CDP, Claudio Costamagna lascia la presidenza

(Teleborsa) – Claudio Costamagna ha deciso di non proseguire con un secondo mandato alla presidenza di Cassa Depositi e Prestiti (CDP). “Questa mattina ho condiviso con il Presidente di Acri e Fondazione Cariplo Giuseppe Guzzetti, che ringrazio per la fiducia accordatami, la decisione di non proseguire con un secondo mandato alla presidenza di Cassa Depositi e Prestiti”. 

“Come ho avuto sempre modo di dire, provenendo da una carriera trentennale nel mondo privato, ho vissuto questo prestigioso incarico come una missione a tempo determinato”, scrive Costamagna in una nota. “Considero un onore aver presieduto per questi tre anni un’istituzione chiamata a realizzare parte della politica industriale del nostro Paese disegnata dal Governo con il concorso dei soci privati delle Fondazioni. Porgo al mio successore i migliori auguri di raggiungere i traguardi che, insieme al nuovo Amministratore Delegato, saranno definiti di concerto col nuovo Governo”.

“Ringrazio per la fiducia accordatami gli azionisti di Cassa Depositi e Prestiti; tutto il Consiglio d’Amministrazione per la fattuale collaborazione; l’Amministratore Delegato Fabio Gallia per il prezioso operato realizzato durante questi tre anni di lavoro insieme. Credo che i risultati raggiunti sia in termini di risorse mobilitate per il Paese, che per il livello di redditività raggiunta siano a dimostrare la grande qualità del lavoro di squadra di Cdp”.

Mercoledì 20 giugno si riunirà l’Assemblea di CDP per approvare il bilancio e rinnovare il Consiglio di Amministrazione.

CDP, Claudio Costamagna lascia la presidenza