CdM approva nuovo Dpcm. Metà Regioni in arancione e tre rosse

(Teleborsa) – Il Consiglio dei Ministria ha approvato il nuovo Dpcm con le misure per il contrasto al Covid in vigore a partire da domenica con lo scadere del precedente Dpcm.

Il decreto proroga lo stato d’emergenza fino al 30 aprile e detta una linea di austerità per le prossime settimane, con i limiti fissati dal precedente Dpcm, introducendo anche la cosiddetta zona “bianca” per le regioni a rischio “basso” ed una incidenza dei contagi inferiore a 50 casi ogni 100mila abitanti per tre settimane consecutive.

Le misure – Ben 9 regioni dovranno finire in arancione e 3 Regioni in zona rossa: Lombardia, Emilia Romagna e Sicilia. Niente spostamenti fra Regioni e Province autonome fino al 15 febbraio, salvo per comprovate esigenze lavorative, di salute e d’urgenza, e generale divieto di spostamento più di una volta al giorno presso altra abitazione – all’interno della regione in zona gialla e all’interno del comune in zona arancione e rossa – in vigore fino al 5 marzo, con coprifuoco a partire dalle 22.

L’Aula della Camera ha approvato ieri la risoluzione di maggioranza sulle comunicazioni del ministro Speranza sul prossimo Dpcm con le ulteriori misure di contrasto al Coronavirus, con 295 voti a favore, 220 contrari e sette astenuti.

“Teniamo fuori dalla battaglia politica e da vere o presunte tensioni elettorali la salute degli italiani”. E’ l’accorato appello lanciato in Parlamento dal Ministro della Salute, Roberto Speranza, mentre il governo si appresta a risolvere la crisi aperta dalle dimissioni delle due Ministre di Italia Viva.

“Non c’è altra strada diversa dall’unità per affrontare questa emergenza, la più grande dal dopoguerra. Ecco perché mi rivolgo alla maggioranza e all’opposizione”, ha detto il titolare alla salute, anticipando un periodo “terribilmente complicato”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

CdM approva nuovo Dpcm. Metà Regioni in arancione e tre rosse