Cattolica, utile netto a 10 milioni dopo svalutazioni. Migliora Solvency II

(Teleborsa) – Cattolica Assicurazioni chiude il 1° semestre con un utile netto di 10 milioni di euro a fronte dei 61 milioni del 2019 (-83,1%), a causa di svalutazioni per circa 86 milioni ed in particolare dell’impairment sul goodwill (-61 milioni).

L’Utile Adjusted è pari a 80 milioni, in crescita del 16% rispetto all’anno precedente, a dispetto di diverse svalutazioni su investimenti immobiliari (-13 milioni), partecipazioni (-5 milioni) ed azioni e fondi AFS (-7 milioni).

“I dati presentati oggi confermano la capacità del Gruppo di far fronte a eventi di portata eccezionale, come quelli avvenuti da inizio
anno a livello globale”, ha affermato, l’Ad Carlo Ferraresi, citando anche la conferma della guidance 2020. Il numero uno ha commentato anche l’accordo con Generali e il “sostegno” dei soci all’aumento di capitale e alla trasformazione in SpA, sottolineando “lavoreremo nei prossimi mesi per il rafforzamento patrimoniale e la contestuale partnership con Generali, proseguendo nell’impegno di creare valore per tutti gli stakeholder“.

La raccolta premi complessiva del lavoro diretto ed indiretto Danni e Vita cala del 13,3% a 2.835 milioni. Nel business Danni diretto si riscontra una flessione del 3,8% dovuta all’Auto. Il calo della raccolta Vita è pari al 18,2%. Il risultato operativo segna un deciso incremento del 38,6% a 217 milioni.

Gli investimenti ammontano a 32.450 milioni. Le riserve tecniche lorde dei rami Danni sono pari a 3.591 milioni e le riserve dei rami Vita, comprese le passività finanziarie da contratti di investimento, si attestano a 26.874 milioni.

L’indice Solvency II del Gruppo al termine del primo semestre 2020 è pari al 141%, mentre quello stimato a fine agosto era in ulteriore recupero al 154%, grazie anche alla discesa dello spread. Le due compagnie Vita, oggetto di interventi di patrimonializzazione, recuperano in maniera anche più decisa: l’indice di Vera Vita è pari al 189%, quello di BCC Vita al 320%.

Quanto all’outlook, Cattolica conferma la previsione di febbraio di un Risultato Operativo d’esercizio a 350-375 milioni di euro, anche se persistono rischii, perlopiù legati agli scenario della pandemia di Covid-19. Quanto al risultato netto di fine 2020, la compagnia conferma che sarà dipendente anche da altri fattori, quali eventuali svalutazioni.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Cattolica, utile netto a 10 milioni dopo svalutazioni. Migliora Solven...