Catalogna, Puigdemont: “Commissariamento abusivo e ingiusto”

(Teleborsa) – Colpo di scena nella vicenda della Catalogna, mentre si attendeva la risposta del presidente catalano Carles Puigdemont sull’indipendenza, il presidente della Generalitat ha sospeso la conferenza stampa di oggi 26 ottobre e in una breve dichiarazione ha spiegato:”L’applicazione dell’articolo 155 è abusiva e ingiusta, non accetto le misure che il Governo di Madrid ha adottato”.

A poche ore dal voto del Senato spagnolo che domani 27 ottobre dovrà decidere sulla sospensione dell’autonomia della Catalogna, Puigdemont sembra aver fatto un clamoroso dietrofront, cedendo alle richieste del governo centrale.

Delusione per chi si aspettava l’annuncio della convocazione di elezioni anticipate il 20 dicembre, come avevano svelato i media spagnoli. “Ho tentato di ottenere le garanzie, ma non ho ottenuto una risposta responsabile dal Pp”, ha spiegato Puigdemont, nel suo breve messaggio.”Il mio dovere è tentare tutte le vie per trovare una soluzione dialogata e concordata per evitare l’applicazione dell’articolo 155″, ha rimarcato Puigdemont, “avrei indetto le elezioni se vi fossero state le garanzie che non ci sono. Sarà il Parlamento a decidere sull’indipendenza”, ha concluso. Non si è fatta attendere la replica di Madrid: La vicepremier spagnola Soraya Saenz de Santamaria ha detto al Senato della Capitale che il Governo chiede l’attivazione dell’articolo 155 contro la Catalogna per “ristabilire l’esercizio dell’autogoverno catalano in un quadro costituzionale” e “tutelare l’interesse generale della Spagna.

Intanto la folla è scesa in piazza per chiedere per l’indipendenza. A Barcellona si sono riversati nelle strade migliaia di manifestanti, in maggioranza studenti, per protestare contro Puigdemont, definito “traditore” per non aver scelto l’indipendenza. 

 

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Catalogna, Puigdemont: “Commissariamento abusivo e ingiusto&#822...