Catalogna, Madrid pronta alle maniere forti

(Teleborsa) – Il Governo di Madrid non esclude l’uso della forza per “ristabilire la legalità” in Catalogna. Lo ha dichiarato il portavoce dell’Esecutivo Inigo Mendez de Vigo in un’ intervista a The Times. “I governi devono fare rispettare la legge, e se c’è gente che non vuole rispettarla, la polizia dovrà ristabilire la legalità” ha spiegato. Mendez ha ribadito che Madrid prenderà il controllo della polizia catalana i Mossos d’Esquadra.

Dunque non si placa la disputa sull’indipendenza tra  Barcellona e Madrid.

I nazionalisti catalani hanno deciso di votare la dichiarazione unilaterale di indipendenza giovedì 26 ottobre nella seduta dell’Assemblea regionale.  A tre settimane dal referendum che ha detto sì all’indipendenza della Catalogna, gli animi sono ancora infuocati e lo scontro rimane più vivo che mai. 

Intanto, il presidente catalano Carles Puigdemont è stato invitato formalmente al Senato spagnolo perché possa discutere della questione con il Governo di Madrid.

Il portavoce di Puigdemont ha fatto sapere che il presidente della Catalogna avrebbe preso in considerazione l’invito anche se non l’ha accolto ufficialmente. L’intervento al Senato dovrebbe comunque avvenire in questi giorni e prima di venerdì 27 ottobre, quando l’Esecutivo si prepara ad approvare  l’articolo 155 della costituzione, che consente di commissariare la comunità autonoma spagnola situata all’estremità nord-orientale della penisola iberica.

Il governo catalano non indietreggia e annuncia azioni legali contro la volontà di Madrid di attivare il famigerato articolo della Costituzione.

Catalogna, Madrid pronta alle maniere forti