Cashback, Consumerismo: troppo transazioni non registrate, violato diritto a rimborsi

(Teleborsa) – Sarebbe stato violato il diritto dei consumatori ai rimborsi del programma cashback a causa delle troppe transazioni inspiegabilmente rifiutate. È quanto denuncia l’associazione no profit Consumerismo, specializzata in tecnologia, sostenendo di aver ricevuto una raffica di segnalazioni da tutta Italia su transazioni che non sono state registrate dall’App IO.

Molti cittadini, pur avendo effettuato pagamenti con carte e bancomat tra l’8 e il 31 dicembre, hanno visto alcune operazioni sparire e non sono riusciti a raggiungere il numero minimo di 10 transazioni previsto dal Cashback, ha spiegato il presidente di Consumerismo, Luigi Gabriele. “L’App IO informava in questi giorni che sarebbe stato necessario attendere il 10 gennaio per vedere tutte le operazioni correttamente registrate sulla piattaforma ma, allo scadere del termine, molti consumatori denunciano la sparizione di alcune transazioni, seppur regolari“, ha detto Gabriele.

“In alcuni casi si tratta di pagamenti presso gli stessi esercizi commerciali ma eseguiti in date diverse, alcuni dei quali sono stati correttamente conteggiati ai fini del cashback, altri inspiegabilmente no, pur avendo tutti i requisiti per concorrere ai rimborsi – prosegue Gabriele – Ciò ha portato alla ingiustificata esclusione dal piano Cashback per quegli utenti che, a causa di tali errori nei conteggi, non è riuscito a raggiungere il numero minimo di 10 transazioni, e non avrà quindi diritto ai rimborsi”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Cashback, Consumerismo: troppo transazioni non registrate, violato dir...