Carige e il piano dei commissari

(Teleborsa) – E’ il giorno di Banca Carige. I commissari dell’istituto genovese fra qualche ora alzeranno il velo sul piano industriale di quella che dovrebbe presentarsi oggi come una banca ripulita dai crediti deteriorati e più leggera sotto il profilo dei costi operativi.

Il piano che presenteranno i tre commissari straordinari, Pietro Modiano, Fabio Innocenzi e Raffaele Lener, è al 2023. Ma l’anno della verità è il 2019, entro il quale la banca dovrà risolvere le sue fragilità, dopo essere stata posta in amministrazione straordinaria da parte della BCE a inizio gennaio.

Secondo indiscrezioni stampa, Carige dovrebbe rivedere l’utile alla fine del 2020 grazie ad un rafforzamento patrimoniale attraverso il coinvolgimento di uno o più investitori ed alla pulizia dell’attivo avvicinando così i crediti deteriorati netti (Non-Performing Exposure, NPE) alla media del sistema bancario italiano.

Fra i compiti dei commissari, dunque, il rafforzamento patrimoniale, il rilancio commerciale, la riduzione dei crediti deteriorati e la ricerca di possibili partner per eventuali fusioni.

Alle 12.00, a Genova, inizierà la conferenza stampa e chissà se arriveranno le risposte che tutti si aspettano.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Carige e il piano dei commissari