Carige diventa una “penny stock”

(Teleborsa) – Non ci sono più percentuali che reggano, ormai Banca Carige vale zero sul mercato. In particolare l’azione ordinaria della banca ligure ha toccato un minimo di 78 millesimi di euro, lunedì 20 novembre. Nel giorno dell’aumento di capitale, il controvalore scambiato a circa metà seduta è di 11.552.719 euro.

L’obiettivo di rafforzamento patrimoniale, dichiarato dalla stessa banca, che comprende l’aumento di capitale, il concambio fra bond subordinati e azioni di nuova emissione (Lme) e la cessione di crediti deteriorati, potrebbe non andare in porto e, in tale eventualità, sarebbero necessarie ulteriori misure idonee a rafforzare la situazione patrimoniale, inclusi nuovi aumenti di capitale.

La BCE ha inoltre manifestato i suoi dubbi sulla possibilità di Carige di generare profitti e di continuare la propria attività come banca stand alone.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Carige diventa una “penny stock”