Caos a Tripoli, stato d’emergenza con sparatorie. Detenuti in fuga. Ambasciata italiana aperta

(Teleborsa) – Tripoli e zone intorno alla capitale libica in preda al caos per violenti scontri tra milizie. di diverse fazioni. Il Consiglio presidenziale libico ha dichiarato lo stato d’emergenza. La misura, come è stato reso noto da un portavoce del Consiglio, è diretta a “fermare lo spargimento di sangue, ridurre le perdite materiali e di vite umane, tutelare la sicurezza dei civili, le strutture pubbliche e private”.

L’ambasciata italiana, già bersaglio di un’esplosione di un colpo di mortaio 48 ore a poca distanza e senza conseguenze è aperta. Diverse centinaia di detenuti in figa dalla carceri della città..

Nessun problema, al momento, per i militari italiani nel Paese e nell’ospedale da campo a Misurata. Il nostro Ministro della Difesa,  Elisabetta Trenta, segue l’evolversi dei fatti.

Ma il colonnello Abdel Rahim Al-Kani che comanda la milizia della cittadina di Tarhuna, 60 chilometri a sud della capitale, ha annunciato che le sue forze già lungo la strada dell’aeroporto sono ad attaccare il quartiere di Abu Salim, porta di accesso al centro storico di Tripoli

Caos a Tripoli, stato d’emergenza con sparatorie. Detenuti in fu...