California, dietro la strage c’è l’ombra del terrorismo

(Teleborsa) – Potrebbe trattarsi di un ennesimo attentato terroristico, l’attacco avvenuto ieri nella sala del centro disabili di San Bernardino in California.
Tre killer pesantemente armati hanno aperto il fuoco interrompendo la festa di Natale, massacrando 14 persone e ferendone 18. Poi la fuga e l’inseguimento degli agenti, terminato con l’uccisione di due killer. Una terza persona, che non si sa ancora se sia coinvolta o meno nella sparatoria, è stata fermata.

Identificato uno dei tre sospetti autori della strage: si tratta di Syed Farook, cittadino americano di fede mussulmana, dipendente della contea presso l’ispettorato della Sanità. Non è stata invece identificata la donna.

Al momento non si conosce ancora il movente, anche se il fratello maggiore di Syed, intervistato dal New York Daily News, ha dichiarato che il fratello era “molto religioso”. La polizia federale non esclude nessuna pista: “esiste la possibilità che si tratta di terrorismo”, ha detto l’FBI.

California, dietro la strage c’è l’ombra del t...