Calenda, fuori da carbone entro 2025 ma serve convinzione enti locali

(Teleborsa) – L’uscita dal carbone è stata fissata dal governo italiano al 2025. Ma ciò potrà concretizzarsi soltanto se ci sarà la collaborazione attiva di Regioni e Comuni. 

Il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, in occasione del via libera definitivo alla SEN, strategia energetica nazionale e della sua presentazione a Palazzo Chigi, torna sulla decarbonizzazione, tema affrontato meno di un mese fa, in occasione presentazione della SEN in Parlamento.  

“Noi – ha spiegato il ministro – abbiamo scelto di accettare la sfida, ma per fare questo occorre fare le infrastrutture” che “condivideremo con la conferenza unificata” e che “recepiremo in un DPCM ( Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, ndr) perché non possiamo permetterci di cominciare” il cammino dell’uscita dal carbone e poi “avere le Regioni e i Comuni che bloccano. Questo programma si può fare solo se c’è la collaborazione di Regioni e Comuni” – ha precisato Calenda -. “Abbiamo dettagliato infrastruttura per infrastruttura. Così – ha proseguito – se un Comune fa ricorso contro un elettrodotto o una Regione, a caso, fa ricorso contro un gasdotto, Regioni e Comuni sapranno che non si blocca solo l’opera, bensì anche l’uscita dal carbone al 2025”.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Calenda, fuori da carbone entro 2025 ma serve convinzione enti lo...