Brillante Piazza Affari che supera gli Eurolistini

(Teleborsa) – Si scatenano gli acquisti a Piazza Affari, che sovraperforma le altre borse europee, grazie alla performance positiva di alcune blue-chips che hanno annunciato i risultati. L’attenzione degli investitori è rivolta anche alla riunione della Federal Reserve, che termina stasera con la decisione sui tassi di interesse statunitensi. 

Clima attendista anche sul mercato valutario che non registra alcuna variazione significativa per l’Euro / Dollaro USA, che scambia sui valori della vigilia a 1,099. Lieve aumento per l’oro, che mostra un rialzo dello 0,55%. Profondo rosso per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che continua gli scambi a 42,15 dollari per barile, in netto calo dell’1,79%.

Avanza di poco lo spread, che si porta a 129 punti base, evidenziando un aumento di 2 punti base, con il rendimento del BTP a 10 anni pari all’1,22%.

Tra i mercati del Vecchio Continente, buoni spunti su Francoforte, che mostra un ampio vantaggio dello 0,70%; giornata moderatamente positiva per Londra, che sale di un frazionale +0,39%. Buona performance per Parigi, che cresce dell’1,19%. Piazza Affari termina la sessione in rialzo, con il FTSE MIB che avanza a 16.863 punti; sulla stessa linea, in rialzo il FTSE Italia All-Share, che aumenta rispetto alla vigilia arrivando a 18.530 punti. Su di giri il FTSE Italia Mid Cap (+2,11%), come il FTSE Italia Star (1,2%).

Il controvalore degli scambi nella seduta odierna a Piazza Affari è stato pari a 2,59 miliardi di euro, con un incremento di ben 311,1 milioni di euro, pari al 13,68%, rispetto ai precedenti 2,27 miliardi; mentre i volumi scambiati sono passati da 1 miliardi di azioni della seduta precedente agli odierni 1,39 miliardi.

A fronte dei 221 titoli scambiati, sono giunte richieste di acquisto per 163 azioni. In lettera invece 43 titoli. Pressoché stabili i rimanenti 15 stocks.

In buona evidenza a Milano i comparti Tecnologici (+7,62%), Telecomunicazioni (+7,32%) e immobiliare (+2,75%). Il settore Materie prime, con il suo -0,73%, si attesta come peggiore del mercato.

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, in primo piano STMicroelectronics, che mostra un forte aumento del 10,46%, premiata dal mercato per i risultati trimestrali.

Decolla Telecom Italia, con un importante progresso del 7,79% dopo la pubblicazione dei conti societari. 

Tra le banche, incandescente Banca Popolare di Milano, che vanta un incisivo incremento del 5,57%, all’indomani dell’ok da parte dell’Antitrust alla fusione con il Banco Popolare.

In primo piano Salvatore Ferragamo, che mostra un forte aumento del 4,70%.

Le più forti vendite, invece, si sono abbattute su Finecobank, che ha terminato le contrattazioni a -4,21%. Lettera su Unicredit, che registra un importante calo del 4,10%, dopo lo stop delle trattative con Santander per l’aggregazione dell’asset management. 

Sotto pressione Fiat Chrysler Automobiles, con un forte ribasso dell’1,90% dopo l’annuncio dei conti e la revisione dei target 2016.

Pensosa Tenaris, con un calo frazionale dello 0,73% sul calo dei prezzi del greggio dopo i dati sulle scorte di oro nero, settimanali.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Brillante Piazza Affari che supera gli Eurolistini